giovedì 7 marzo 2013

«VOGLIAMO CHIAREZZA E GIUSTIZIA», E IL COMITATO RECUPERO AMMANCO IN COMUNITÀ MONTANA ASSEDIA IL TRIBUNALE


Una delegazione guidata da Graziella Cimeli ricevuta dal Procuratore Giuseppe Grieco e dal sostituto Luigi Boccia

PISTOIA-MONTAGNA. Due anni dalla scoperta delle ruberie in Comunità Montana. E stamattina a Pistoia, dinanzi al Tribunale, c’erano una trentina-35 pettorine del Comitato recupero ammanco Comunità Montana. Non era una delle mattinate migliori, viste le condizioni atmosferiche: ma una bella rappresentanza ha ‘assediato’ il Palazzo di Giustizia, con Graziella Cimeli, la portavoce, in primissima linea.

I quotidiani e le Tv locali si sono presentanti puntuali all’appuntamento per registrarlo e consegnarlo alla cronaca: dallo scorso anno il Comitato sta tenendo sotto stretto monitoraggio il problema dell’ammanco, che ha scosso la Montagna Pistoiese fino dalle radici.
Ha fatto impressione – almeno a noi di Quarratanews – il fatto che nemmeno un politico in corso legale fosse presente: come se il Comitato (e del resto è stato così, crediamo) dovesse comunque agire per conto proprio e solo come tale. Ma ormai si sa che la politica è tutto fuorché ascolto dei cittadini e soluzione dei loro problemi.
Graziella Cimeli, a un certo punto, è stata ricevuta in delegazione – con Flavio Ceccarelli e Gianfranco Rossi – dal Procuratore facente funzione, Giuseppe Grieco, e dal sostituto dottor Luigi Boccia, che ha seguito il caso.
«Siamo molto soddisfatti che il Procuratore ci abbia ricevuto – ha detto Graziella Cimeli appena uscita dal colloquio con i suoi colleghi –. Ma molto più lo siamo perché il dottor Grieco ci ha detto espressamente che è disponibile a riceverci anche in futuro e ad aggiornarci di volta in volta sugli avanzamenti dell’indagine. D’altronde – ha aggiunto – non abbiamo assolutamente intenzione di lasciar perdere un problema che, oltre ad averci mortificati, ci ha anche danneggiati sotto ogni punto di vista, sia per l’ammanco che per le mancate opportunità che sarebbero toccate alla nostra Montagna se la serie inammissibile delle ruberie e il silenzio dei politici non ci fossero mai stati».
Stasera, come sappiamo, le manifestazioni continueranno con la marcia silenziosa dalla ex-sede della Comunità Montana fino alla piazza centrale di San Marcello.
La seguiremo e vi faremo sapere.










video

Q/n
Cliccare sull’immagine per ingrandirla.
[Giovedì 7 marzo 2013 | 13:15 - © Quarrata/news]

1 commento:

  1. Dal servizio fotografico, sembra di poter capire che nessuno dei manifestanti è stato "indagato" ( men che meno arrestato) per il reato di "cartellonismo" e/o "manifestazionismo" vista la presenza diffusa di pettorine cifrate con delle chiare scritte di protesta.
    MDB

    RispondiElimina

MODERAZIONE DEI COMMENTI

Per evitare l’inserimento di spam e improprie intromissioni, siamo costretti, da oggi 14 febbraio 2013, a introdurre la moderazione dei commenti.
Siamo dispiaciuti per i nostri lettori, ma tutto ciò che scriveranno sarà pubblicato solo dopo una verifica che escluda qualsiasi implicazione di carattere offensivo e penale nei loro interventi.
Grazie.