martedì 19 novembre 2013

MA QUANTI PESCI VOLTANTI IN QUESTA SCONSOLANTE POLITICA!


di FELICE DE MATTEIS

La destra (?) del panorama toscano dilaniata dall’ambizione di non scendere di sella e dalla frenetica ricerca di una sedia su cui poggiare il ‘preterito’

FIRENZE. Un grande Dottore della Chiesa afferma che, per il cristiano, tempo e spazio sono semplicemente inesistenti perché tutto si integra e si completa in Colui nel quale si crede e che è eterno.
Non così è: e non potrebbe essere altrimenti, nella città degli uomini, dove l’imperfezione e i limiti ad essa connessi sono invece il rendiconto impietoso di ciò che siamo stati, di ciò che siamo divenuti e di ciò che ci apprestiamo ad essere. Senza limiti, specialmente in politica.

Leggendo i quotidiani nazionali e ascoltando il Tg regionale toscano si palesano sotto i nostri occhi personaggi locali che, dinanzi alle macerie del Pdl, cercano disperatamente di riposizionarsi per future avventure – ben remunerate – sputacchiando sulla loro storia politica passata e soprattutto su quella generosa, volontaristica e pagata di tasca e di persona, da gente che ha avuto la dabbenaggine di credere in questi personaggi e favorire la loro ascesa.
Estraggo a caso dalla sacca, per niente olezzante di verbena, due nomi di politici, ex missini, ex An, ex Pdl: Riccardo Migliori e Roberto Benedetti.
Affronto questo tema per dire ai tanti amici del Pdl, che mai ho votato, di prendere esempio dalla apparente sponda opposta, quella del Pd dove ci si sbudella politicamente con una levità che solo i democristiani di una volta possedevano ed hanno trasmesso ai loro figliocci. Infatti questi signori (democristiani per d.n.a. con il supporto interessato dei vari Vannino Chiti, divenuti cattolici adulti alla Prodi) stanno facendo man bassa di cariche e future responsabilità dirigenziali in questo Paese. Un Paese a sovranità limitata dove chi dirige non vive in Italia, ma che l’Italia ha sotto il tallone – e la schiaccia spesso e volentieri. Dalla Banca Centrale Europea al Fondo Monetario Internazionale transitando dalla Bilderberg, alla Trilaterale e a tutti quegli organismi sovranazionali, figli di un pensiero unico omologante e di un mondialismo che tanto va di moda oggi e da cui anche un certo Papa Francesco mette in guardia.
Bene, se a sinistra ci si accoltella con educazione, chiedendo il permesso e promettendo di non farlo più (purché si raggiunga ciò che si vuole), nel centro destra si è alla disperata ricerca di qualche cartello indicatore che segnali dove andare e con chi stare. In questo dedalo ecco rispuntare, appunto, l’opportunismo e la voglia di tornare a fare danni: Migliori/Benedetti.
Il primo, già Consigliere Regionale per quindici anni, poi deputato per varie legislature, fatto fuori dal duo Matteoli/Verdini perché scaduto dalle grazie dei due ras toscani, si ripropone per fondare una nuova destra e bla bla bla. L’ex camerata è transitato dal si, si/no, no del cattolicesimo tradizionalista al sissignori, al Berlusca e Matteoli fino alla finale pedata nei fondelli.
Domanda: è credibile un politico di questo genere, soprattutto in un mondo di destra vero, che non scende né vuole scendere a patti con alcuno e preferisce starsene nell’apoliteia di evoliana memoria in attesa di nuove regole e di nuova aria?
Roberto Benedetti, che io chiamo il cavallaio ma che non chiamerò più così e quando così lo chiamavo, lo facevo in virtù di una vecchia e cameratesca amicizia.
Di questo Signore ex Msi, ex rautiano di ferro, ex An, ex Pdl, vicepresidente in Consiglio Regionale e da dieci anni in quella assise, che non dimentica mai, quando gli fa comodo, di ricordare di essersi laureato con una tesi sul Movimento Sociale, ce lo ritroviamo adesso confluito alla corte del democristiano Angelino Alfano sperando che il nuovo saltello gli frutti una candidatura alle prossime elezioni regionali o nazionali, atteso che il suo mandato decennale e la scemata fiducia di Matteoli nei suoi confronti, lo avrebbero ridotto, a fine legislatura, a tornare fra i suoi cavalli.
Ci si può fidare di questi personaggi?
Esiste ancora una destra sociale e nazionale che possa offrirsi agli italiani per ciò che realmente è, togliendosi dai piedi quella giunta chiamata centro, dalla quale si pensa, sbagliando, di non poter prescindere?
Se esiste ancora una destra di questo tipo, si faccia sotto: il tempo stringe e l’euro-inganno continua.
In caso contrario, chi se ne frega! Quel che sarà, sarà.

[Questo intervento è pubblicato come espressione di libera critica ex art. 21 Cost.]

Cliccare sull’immagine per ingrandirla.
[Martedì 19 novembre 2013 | 09:14 - © Quarrata/news]

2 commenti:

  1. Volete scommettere che questo pomeriggio il Consigliere Benedetti- sollecitato da Carluccio Ceccarelli sindaco di Cutigliano e come lui Msi,AN e poi Pdl ed ora "sono chi chi prende" aggiungerà il suo voto in consiglio regionale per dar vita a quella operazione lobbistica e salvaculo per chi ha portato allo scioglimento della Cominità Montana cui la gente ha dato il nome di Comunone Dynamone?

    RispondiElimina

MODERAZIONE DEI COMMENTI

Per evitare l’inserimento di spam e improprie intromissioni, siamo costretti, da oggi 14 febbraio 2013, a introdurre la moderazione dei commenti.
Siamo dispiaciuti per i nostri lettori, ma tutto ciò che scriveranno sarà pubblicato solo dopo una verifica che escluda qualsiasi implicazione di carattere offensivo e penale nei loro interventi.
Grazie.