domenica 14 aprile 2013

UN TRENO PER L’ABETONE, NUOVI ORIZZONTI (E BUFALE) PER LA MONTAGNA PISTOIESE

video


SAN MARCELLO-MONTAGNA. È un vero peccato che esistano le telecamere, perché con la loro presenza è impossibile nascondere ciò che è accaduto…
Guardatevi, per esempio, questo intervento di Franco Tuci, che prometteva il decollo della Montagna Pistoiese con un progetto che avrebbe portato vita e benessere a tutti.
Il video è di Roberto Prioreschi.
Buon divertimento!

Cliccare sull’immagine per ingrandirla.
[Domenica 14 aprile 2013 | 09:25 - © Quarrata/news]

3 commenti:

  1. spassosissimo, da vedere tutto, fino alla fine. E pensare quante energie, quante risorse sono andate per arrivare a .... qui! Ma qualcuno ci credeva sul serio?

    RispondiElimina
  2. Non dobbiamo dimenticare che l'idea originaria del tremo per l'Abetone (io da qualche parte, giù in cantina, ho ancora il progetto) fu di Gino Filippini: un grande comunista, primo assessore regionale all'urbanistica e poi sindaco di Abetone.

    Un aspetto divertente di questo video è il compagno Magnolfi. Oggi che i comunisti non ci sono più o che comunque non sono certo un pericolo per nessuno, Magnolfi fa l'anticomunista duro e puro; ma ieri - quando i comunisti c'erano ed erano potenti - faceva il vicepresidente socialista di un governo regionale socialcomunista. Cosa avrà detto, in quella occasione, il compagno Magnolfi oggi reggicoda del compagno Berlusconi ?

    Nel merito della viabilità montana: tutto è rimasto come allora, anzi è ovviamente peggiorato. I lavori fatti dalla Provincia in tempi recenti sono un semplice allargamento di curve e chi frequenta quella strada sa bene come, se ti capita di star dietro a un camion o a un bus dal Ponte Calcaiola, il sorpasso regolare (con il Codice della Strada) puoi provare a farlo solo in due/tre punti e - se non ci riesci - resti in coda fino alla valle del Reno.

    Prioreschi sa bene che esistono studi davvero alternativi. Ipotesi mica tanto fantascientifiche di gallerie che consentirebbero di ridurre in modo evidente i tempi di percorrenza aiutando così possibili re-insediamenti nei paesi montani. I costi sono certo elevati, ma forse - diciamo nell'ultimo ventennio - qualche occasione utile (anche attraverso fondi UE) è stata persa ... Davvero impossibile invertire la tendenza?

    Temo che con quei sindaci sia impresa ardua ...

    RispondiElimina
  3. Carissimo Lago Scaffaiolo, mi permetto di correggerti perché venendo da Pistoia fino a Le Piastre c'è solo un punto dove si può sorpassare in "regola" con il CdS. In un'assemblea, il 15/01/2009, abbiamo chiesto al Responsabile della Provincia In g. Mazzoni di interpretare il CdS con una certa elasticità per facilitare il sorpasso. Il tecnico ci rispose che le regole vanno rispettate e non poteva fare di meglio. Sul rispetto delle regole e com'è andata a finire la storia lo sappiamo dagli organi di stampa! Nulla da aggiungere.

    RispondiElimina

MODERAZIONE DEI COMMENTI

Per evitare l’inserimento di spam e improprie intromissioni, siamo costretti, da oggi 14 febbraio 2013, a introdurre la moderazione dei commenti.
Siamo dispiaciuti per i nostri lettori, ma tutto ciò che scriveranno sarà pubblicato solo dopo una verifica che escluda qualsiasi implicazione di carattere offensivo e penale nei loro interventi.
Grazie.